MAX MANFREDI IN CONCERTO. OMAGGIO ALL’INQUIETUDINE CON DREMONG

Auditorium – Mostre e spettacoli
Max Manfredi, Marco Frattini, Elisa Montaldo, Matteo Nahum, Daniele Pinceti

“Omaggio all’inquietudine -afferma Max Manfredi- che è da sempre stata la non facile musa del mio operare poetico e musicale. In questo caso lavoro con quattro musicisti inquieti, provenienti da varie scuole, di svariate
ed alquanto eclettiche ascendenze. Presentiamo mie canzoni, antiche e nuove, edite ed inedite. Queste canzoni formeranno presto un album. Il nome dell’ensemble musicale, provvisorio – sempre per inquietudine – è Dremong. Il Dremong è un inquieto ed inquietante orso tibetano, dal carattere – tradizionalmente – malvagio, tanto da aver dato origine, secondo alcuni, alla leggenda dello Yeti, l’Abominevole Uomo delle Nevi. Il Dremong, in effetti, si muove spesso alzandosi sulle zampe, in posizione eretta, simile agli Umani.”

Al termine del concerto Max Manfredi sarà intervistato da Francesco Cevasco


Max Manfredi, Esordisce alla Rassegna Tenco dell’anno 1985. Nel 1990 esce Le parole del gatto (BMG Ariola), Targa Tenco. Vince la prima edizione del premio Musicultura. Nel 1994 viene pubblicato Max. Ospite l’indimenticabile Fabrizio De André. Intensa attività concertistica in Italia, Europa, Brasile, Ecuador. Pubblicazione di libri. Premio Liguria. 2002 esce, edito da Storiedinote, il terzo cd: L’Intagliatore di Santi. 2004:Live in Blu (Storiedinote) 2005: premio Lunezia, premio Lo Cascio, premio M E I; Collabora con il Teatro della Tosse di Genova nel recital Poeti vs Cantautori. 2008: “Luna persa”, con ben tre ristampe. 2009: Targa Tenco per la miglior opera dell’anno in assoluto. Il 4-3-2013 pubblica l’anteprima del progetto Manfredi-Licalzi sul “Fatto Quotidiano”.
Marco Frattini, percussioni e batteria. Comincia giovanissimo lo studio della batteria con il M° Carlo Chiarelli. Si perfeziona all’estero presso il Berklee College of Music di Boston. Collabora con numerosissimi artisti appartenenti al mondo del jazz (Howard Levy, Flavio Boltro), del rock (James Thompson, Will Weldon Robertson), della canzone d’autore (Max Manfredi, Eloisa Atti) e del teatro (Alessio Boni). Ha partecipato a vari festival nazionali ed internazionali (Bologna Jazz Festival, Premio Tenco) ed a varie trasmissioni radiofoniche e televisive (MTV, RAI). Ha all’attivo più di trenta incisioni discografiche e svariate produzioni musicali e teatrali.
Elisa Montaldo, a 9 anni inizia a studiare pianoforte, dal 1992 suona pianoforte e tastiere in gruppi che spaziano dal pop al progressive. Ha condiviso il palco con Max Manfredi, Banco del Mutuo Soccorso, Le Orme, Sotf Machine, Jethro Tull, Bernardo Lanzetti, Gianni Leone, Goblin, Van Der Graaf Generator, UK, Nanaue. Nel 2010 esce l’album di debutto Il tempo delle clessidre, progetto riconosciuto dal famoso sito americano del ProgArchives come uno dei 50 migliori dischi del progressive rock di sempre e presentato in Corea, Stati Uniti ed Europa. Ha vinto il 2° premio del concorso INAIL Donne e Lavoro con un brano scritto, arrangiato e interpretato da lei. Si sta specializzando in pedagogia musicale steineriana.
Matteo Nahum, nato nel 1973, è attivo dalla fine degli anni 90 come chitarrista, arrangiatore e compositore. Ha preso parte alla realizzazione di 23 dischi, ad oggi, ed alla composizione ed esecuzione delle musiche di una decina di spettacoli teatrali. Tra le sue collaborazioni più importanti Max Manfredi (Targa Tenco 2009), Cristiano Angelini (Targa Tenco 2011 per l’ opera prima), La Maschera di Cera (progressive rock), Nanaue (art rock), Alessandro Langiu (autore teatrale ed attore), lo Duendes (flamenco fusion), Valnades Art (etno jazz). Diplomato in chitarra classica, in composizione presso la scuola francese Polyphonies e laureato in Filosofia, è attivo anche come insegnante.
Daniele Pinceti, bassista poliedrico molto attivo sia in studio che dal vivo, tra le sue collaborazioni possiamo annoverare:Gianni Belleno-Il cuore dei New Trolls; Steve Washington band; Byrkin Tree; Esmeralda Sciascia; Indaco Band diretta dal Maestro Luca Orioli; Bassista nella colonna sonora della fiction di Canale 5 “Non Smettere di Sognare”
Articoli Correlati
numerologia_50cello